Importanti novità in materia di self publishing per il colosso della vendita on line. Pare sia finita l’era dei libri gratuiti su Amazon. E non è l’unico cambiamento, a quanto pare. Questo è quanto traspare da una comunicazione ricevuta da Streetlib tramite la newsletter autori.

Basta libri gratuiti su Amazon?

Fino a oggi, usufruendo di servizi di distribuzione come Streetlib, c’era la possibilità per un autore self di far entrare nello store di Amazon i propri libri da scaricare gratuitamente. Invece pare che adesso (in realtà dal 15 gennaio 2018) questo non sarà più possibile. Forse questione di spazio ceduto gratuitamente, che dal punto di vista commerciale sta probabilmente diventando un costo eccessivo, o forse per una nuova politica (attualmente ignota), Amazon ha deciso di tagliare quegli antieconomici articoli gratuiti. O magari una scelta legata a un’altra particolarità del portale che spiegherò in seguito. Sta di fatto che non è più possibile pubblicare libri gratuiti su Amazon.

Sia chiaro che, fino a diversa comunicazione del colosso americano, sarà ancora possibile usufruire delle finestre di 5 giorni per la promozione gratuita. L’impossibilità di pubblicare libri gratuiti su Amazon (che saranno venduti con il prezzo minimo di 0,99 euro) riguarderà i libri pubblicati dopo il 01 agosto 2017 o con vendite sotto una soglia minima di 25 copie dal 01 agosto 2016 al 31 luglio 2017.

I costi di spedizione degli ebook

Un’altra novità che apprendo dalla newsletter di Streetlib (ma qui la mancanza potrebbe essere solo mia) è il costo di spedizione degli ebook. Per la precisione Amazon applica una detrazione dalle royalties sugli ebook scaricati in base al loro peso in megabyte. E questo secondo me spiega, come accennavo prima, la scelta di non accettare più libri gratuiti dagli “editori indipendenti”. Riassumendo la tabella ricevuta, il costo minimo per vendite effettuate in Europa (Germania, Italia, Spagna, Olanda e Francia) è pari a € 0,12 per megabyte di peso del libro, con un costo minimo fisso di € 0,01. Questo a meno che il libro…

Modello Standard e Modello Enhanched

I costi di “spedizione” sono dovuti in un caso specifico, ovvero nel caso in cui il libro rientri nel modello Enhanched, letteralmente potenziato. Ma cosa significa? Amazon divide i libri in due categorie: Standard (normale) e, appunto, Enhanched. Nella prima categoria rientrano i libri con prezzo inferiore a € 2,99 o superiore a € 9,99. I libri con prezzi compresi tra € 2,99 e € 9,99 rientrano invece nel modello Enhanched. Il modello Standard prevede royalties pari al 35% del prezzo del libro e nessun costo per la spedizione. Il modello Enhanched prevede invece royalties pari al 70% (60% in Germania e Spagna) e costi di spedizione di € 0,12 per megabyte. Dalle royalties bisogna in ogni caso detrarre anche quanto incassato dal distributore (Streetlib, per esempio, prende il 10%).

Un’osservazione su questa suddivisione mi sorge spontanea. Ho pubblicato l’anno scorso un articolo in merito al prezzo degli ebook. In una pagina indico invece un calcolatore automatico in base a parametri variabili del prezzo di un ebook. La distinzione tra Standard e Enhanched avvalora in parte le mie deduzioni in merito al prezzo, anche se la mia riflessione verteva sul numero di pagine e non sul peso in megabyte del libro. Sembra quindi sempre più chiaro che un prezzo “adeguato” dell’ebook ponga il prodotto in una categoria maggiormente considerata da Amazon. Certo, bisogna valutare anche l’impatto sui lettori, ma sono del parere che non si discosti troppo dalle valutazioni esposte nel mio articolo.

Aggirare il problema? Non proprio

Se volete continuare a pubblicare i vostri libri gratuiti su altri store diversi da Amazon, all’apparenza non ci sono problemi. Ma solo all’apparenza. Infatti leggendo le linee guida di Amazon KDP viene specificato che un libro da loro inquadrato nel modello Enhanched (70% i royalties) perderà tale qualifica se risulterà prevalentemente di dominio pubblico. Tradotto significa che se su Amazon pubblicate con il 70% di royalties ma negli altri store il libro è gratuito, automaticamente Amazon lo declassa a Standard (royaties al 35%) con la riserva di ricalcolare anche le royalties pregresse.

Nessun problema se il libro è sempre stato gratuito, ovviamente. Ma il mio parere è che come Streetlib, presto anche altri servizi di pubblicazione e distribuzione si adegueranno alle imposizioni di Amazon. Oltretutto tutti i servizi che utilizzano la piattaforma di Streetlib per la distribuzione avranno comunque le stesse limitazioni riservate agli autori che utilizzano Streetlib direttamente. La curiosità è che i libri gratuiti su Amazon saranno banditi anche nel caso di editori che Amazon stessa considera non professionisti. Ovvero aziende del campo dell’editoria che però offrono prodotti (per contenuto e formattazione) considerati non professionali da Amazon.

La proposta di Indiependent Way

Indiependent Way, non avendo alcun legame con Amazon, non si allinea a queste novità. La proposta standard è l’unica e prevede il 70% di royalties al netto dell’IVA e nessuna spesa di spedizione o consegna dell’ebook, in nessuna nazione e a prescindere dal peso in megabyte dei file. L’importante è essere self publisher, o autori indie, e avere un libro da vendere già pronto. Se non fosse pronto potete sempre rivolgervi ai professionisti indipendenti presenti sul sito per editing, copertine e impaginazione. Per completezza di informazione preciso che tutti gli store considerano le royalties al netto dell’IVA, anche se non chiaramente indicato. Preciso infine che i libri prodotti attraverso la piattaforma Streetlib saranno comunque sempre accettati alle condizioni di prezzo che voi stabilirete.

Pin It on Pinterest

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: